Statuto e atto costitutivo

STATUTO di ADMO REGIONE TOSCANA ONLUS

 

ART. 1 –  COSTITUZIONE.

L’Associazione, già costituita a Firenze il 14 novembre 1991, è denominata “ASSOCIAZIONE DONATORI MIDOLLO OSSEO REGIONE TOSCANA”, Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale, in breve ADMO Regione Toscana ONLUS.

La durata dell’Associazione è illimitata.

La sede legale è sita presso la città metropolitana di Firenze ed è individuata dal Consiglio Direttivo, il quale ha inoltre facoltà di deliberare il trasferimento della sede legale nell’ambito di altro Comune della Regione Toscana.

Ha l’utilizzo del marchio e del nome ADMO così come previsto dallo Statuto e dal Regolamento di ADMO FEDERAZIONE ITALIANA di cui la stessa è titolare e alla quale ADMO Regione Toscana ONLUS aderisce.

 

ART. 2 –  PRINCIPI.

ADMO Regione Toscana ONLUS

  • è un organismo libero, indipendente, apartitico e aconfessionale;
  • non ammette discriminazione di sesso, razza, lingua, nazionalità, religione, ideologia politica;
  • esclude qualsiasi fine di lucro.

 

ART. 3 –  FINALITA’

Perseguendo esclusivamente finalità di solidarietà sociale, ADMO Regione Toscana ONLUS si prefigge i seguenti scopi:

  1. incrementare e tutelare i donatori di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche così da favorire l’incremento dei relativi trapianti;
  2. promuovere e diffondere presso la popolazione la conoscenza e la sensibilità per le tematiche inerenti la donazione di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche nell’ottica del precedente punto a);
  3. collaborare con i Centri di Tipizzazione Tissutale allo scopo di agevolare l’attività della tipizzazione medesima;
  4. essere di supporto, ove necessario, ai donatori che si rivelino compatibili con pazienti in attesa di trapianto di midollo osseo e/o cellule staminali emopoietiche;
  5. essere di supporto all’organizzazione medica preposta al funzionamento del Registro Regionale e del Registro Nazionale dei donatori di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche IBMDR;
  6. essere di supporto ai Centri di Trapianto;
  7. stimolare e favorire la ricerca nel settore delle malattie interessate dal trapianto di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche;
  8. promuovere iniziative, sia sotto il profilo sociale che sotto quello legislativo, atte a favorire la realizzazione degli scopi sociali;
  9. promuovere la formazione di volontari che operino sul territorio con le stesse finalità di ADMO Regione Toscana ONLUS
  10. favorire i contatti con analoghe associazioni italiane ed estere, allo scopo di coordinare azioni di interesse comune;
  11. promuovere la progettazione di processi e servizi a supporto della ricerca di donatori di midollo osseo.

Sono vietate attività diverse da quelle elencate nel presente articolo, ad eccezione di quelle ad esse direttamente connesse.

 

ART. 4 –  MODALITA’ OPERATIVE.

Nell’ambito delle attività sopra elencate ADMO Regione Toscana ONLUS esclude il perseguimento di qualsiasi scopo di lucro. Coerentemente, è fatto espresso divieto ai Soci di distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita di ADMO Regione Toscana ONLUS, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge o siano effettuate a favore di altre associazioni che per legge, statuto o regolamento, facciano parte della medesima ed unitaria struttura.

L’Associazione deve impiegare gli utili e gli avanzi di gestione per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse.

Le attività di cui sopra sono svolte da ADMO Regione Toscana ONLUS prevalentemente tramite le prestazioni fornite dai propri Soci. L’attività dei Soci non può essere retribuita in alcun modo nemmeno da eventuali diretti beneficiari, eccetto ove forniscano prestazioni tecniche (ad es staff di segreteria o medico) regolarmente coperte da contratti di lavoro. Ai Soci possono solo essere rimborsate da ADMO Regione Toscana ONLUS, entro i limiti preventivamente stabiliti dall’Assemblea, le spese vive effettivamente sostenute per l’attività svolta e debitamente documentate.

 

ART. 5 –  STATO PATRIMONIALE.

Il patrimonio di ADMO Regione Toscana ONLUS è costituito:

  • dai beni mobili e immobili acquistati da ADMO Regione Toscana ONLUS con proprie disponibilità;
  • da eventuali erogazioni, donazioni, lasciti, eredità e da quant’altro pervenga ad ADMO Regione Toscana ONLUS per atto di liberalità di terzi al fine di incrementarne l’attività.
  • Dai contributi pubblici provenienti dall’attività di reclutamento dei potenziali donatori
  • Dalle erogazioni provenienti dallo scioglimento delle precedenti sezioni provinciali Admo della Toscana costituite come Associazioni autonome.

Per lo svolgimento delle sue attività, ADMO Regione Toscana ONLUS utilizza:

  • i redditi derivanti dal proprio patrimonio;
  • i contributi dello Stato;
  • i contributi e i finanziamenti che le pervengano da Enti pubblici e privati e dall’attività delle proprie sezioni;
  • i proventi di gestione.

 

ART. 6 –  SOCI.

6.1 –  Qualifica.

L’adesione a Socio di ADMO Regione Toscana ONLUS è gratuita ed è subordinata alla presentazione di un’apposita richiesta, da effettuarsi tramite il modulo specificamente predisposto.

Possono far parte di ADMO Regione Toscana ONLUS in qualità di Soci tutti i volontari che:

  1. vengono inseriti nel Registro Nazionale dei donatori di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche;
  2. e/o svolgono attività in ADMO Regione Toscana ONLUS in modo gratuito;
  3. e/o sostengono in qualsiasi altro modo, sempre in maniera gratuita, l’attività di ADMO Regione Toscana ONLUS.

La qualifica di Socio non è trasmissibile.

6.2 –  Diritti.

Tutti i Soci hanno il diritto:

  1. di contribuire personalmente, gratuitamente e spontaneamente alle attività svolte da ADMO Regione Toscana ONLUS;
  2. di essere mantenuti aggiornati sull’evoluzione del programma nazionale e internazionale di donazione di midollo osseo e cellule staminali emopoietiche;
  3. di partecipare, attraverso l’organo assembleare, alle delibere di ADMO Regione Toscana ONLUS, con piena libertà di espressione e parità di diritti;
  4. di essere eletti a cariche direttive.

6.3 –  Doveri.

Tutti i Soci hanno il dovere e si assumono l’impegno morale di non compiere attività in contrasto con lo Statuto, il programma e le decisioni adottate, in conformità con lo Statuto, dagli Organi Dirigenti di ADMO Regione Toscana ONLUS.

Nel caso di donazione effettiva, si impegnano, inoltre, a mantenere l’anonimato nei confronti del ricevente e a non chiedere alcun corrispettivo per la donazione.

Nel caso di socio trapiantato, si impegna, inoltre, a mantenere l’anonimato nei confronti del donatore.

6.4 –  Decesso, Recesso, Esclusione.

La qualifica di Socio si perde per decesso, recesso o esclusione.

Il recesso da parte dei Soci deve essere comunicato all’Associazione, in forma scritta, almeno 3 mesi prima dello scadere dell’anno in corso.

L’esclusione dei Soci è deliberata dall’Assemblea Generale Ordinaria, su proposta del Consiglio Direttivo, qualora i Soci stessi vengano meno agli impegni assunti o non ottemperino ai doveri previsti dallo Statuto.

 

ART. 7 –  ORGANI ASSOCIATIVI.

Gli Organi di ADMO Regione Toscana ONLUS sono:

  1. l’Assemblea Generale (Ordinaria e Straordinaria) dei Soci;
  2. il Consiglio Direttivo;
  3. il Comitato Tecnico-Scientifico;
  4. il Collegio dei Revisori dei Conti;
  5. il Collegio dei Probiviri.

Tutte le cariche assunte all’interno di ADMO Regione Toscana ONLUS sono gratuite.

 

ART. 8 –  ASSEMBLEA GENERALE dei SOCI.

L’Assemblea Generale dei Soci è composta da tutti i Soci; ogni Socio ha diritto a un voto; non sono ammesse deleghe.

È valida in prima convocazione con la presenza di almeno la metà più uno dei Soci e in seconda convocazione qualunque sia il numero dei presenti.

È presieduta dal Presidente, o, in sua assenza, dal Vicepresidente del Consiglio Direttivo in carica; nomina, su proposta del Presidente, un proprio Segretario per la redazione del verbale.

Si riunisce, nella sede più opportuna, all’interno della Regione Toscana, in seduta Ordinaria oppure Straordinaria.

8.1 –  Assemblea Generale Ordinaria.

8.1.1 –  Convocazione

L’Assemblea si riunisce in Seduta Ordinaria, su convocazione del Presidente, almeno una volta all’anno, nonché ogniqualvolta lo stesso Presidente o il Consiglio Direttivo o almeno 1/10 dei Soci lo ritengano opportuno e ne facciano richiesta.

La convocazione deve essere notificata con almeno 15 giorni di anticipo tramite annuncio sugli organi di informazione interni e/o esterni ad ADMO Regione Toscana ONLUS.

8.1.2 –  Compiti.

L‘Assemblea Generale Ordinaria dei Soci ha il compito di

  1. approvare il bilancio consuntivo;
  2. stabilire il numero dei membri del Consiglio Direttivo;
  3. eleggere i membri e il Presidente del Consiglio Direttivo stesso;
  4. eleggere il Collegio dei Revisori dei Conti;
  5. eleggere il Collegio dei Probiviri;
  6. deliberare l’esclusione dei Soci;
  7. deliberare sulle questioni che riguardano le Finalità di ADMO Regione Toscana ONLUS.

8.1.3 –  Votazioni.

Le sue delibere sono prese a maggioranza assoluta (2/3) dei presenti, con votazione palese o segreta secondo quanto stabilito, di volta in volta, dall’Assemblea stessa su proposta del Presidente.

8.2 –  Assemblea Generale Straordinaria.

8.2.1 –  Convocazione

L’Assemblea si riunisce in Seduta Straordinaria, su convocazione del Presidente, ogniqualvolta lo stesso Presidente o il Consiglio Direttivo o almeno 1/10 dei Soci lo ritengano opportuno e ne facciano richiesta.

La convocazione deve essere notificata con almeno 15 giorni di anticipo tramite annuncio sugli organi di informazione interni e/o esterni ad ADMO Regione Toscana ONLUS.

8.2.2 –  Compiti.

L‘Assemblea Generale Straordinaria dei Soci ha il compito di deliberare

  1. sulle modifiche dello Statuto;
  2. su qualsiasi argomento che, per la sua importanza, possa modificare gli scopi di ADMO Regione Toscana ONLUS;
  3. sullo scioglimento di ADMO Regione Toscana ONLUS.

8.2.3 –  Votazioni.

Le sue delibere sono prese con votazione palese o segreta secondo quanto stabilito, di volta in volta, dall’Assemblea stessa su proposta del Presidente. In particolare:

  1. per le modifiche dello statuto e per gli altri argomenti previsti al precedente Art. 8.2.2.b) occorre il voto favorevole dei 3/4 dei presenti;
  2. per lo scioglimento di ADMO Regione Toscana ONLUS occorre il voto favorevole dei 3/4 degli aventi diritto al voto.

 

ART. 9 –  CONSIGLIO DIRETTIVO REGIONALE.

9.1 –  Composizione.

Il Consiglio Direttivo è presieduto dal Presidente di ADMO Regione Toscana ONLUS ed è costituito da un minimo di 9 (nove) a un massimo di 21 (ventuno) membri eletti dall’Assemblea generale dei Soci, comprendendone almeno 2 (due) per Sezione.

L’assemblea può decidere di variare il numero dei membri del consiglio direttivo (mantenendo la disparità numerica) secondo l’Art 8.1.2 b del presente statuto.

Tra i propri membri il Consiglio Direttivo elegge, con votazione palese o segreta secondo quanto stabilito, di volta in volta, dal Consiglio stesso su proposta del Presidente:

  • il Vicepresidente,
  • il Tesoriere,
  • il Segretario

di ADMO Regione Toscana ONLUS.

Sono esclusi dalle cariche di Presidente, Vicepresidente e Tesoriere i direttori, i responsabili dei centri di tipizzazione, trasfusionali e trapianti e dirigenti o dipendenti a qualsiasi titolo delle ASL di appartenenza.

Ciascuna delle cariche suddette risulterà eletta se:

  • alla prima o, a seguire, alla seconda votazione avrà ottenuto la maggioranza assoluta (2/3) dei voti dei presenti;
  • alla terza votazione, eventualmente resa necessaria dall’ insuccesso delle due precedenti, avrà ottenuto la maggioranza (50% +1) dei voti dei presenti.

In caso di parità fra due o più candidati, risulterà eletto il più anziano di età.

9.2 –  Durata in carica.

Il Consiglio Direttivo dura in carica tre anni e i suoi membri possono essere rieletti.

Esso si riunisce almeno sei volte l’anno, con frequenza regolare uno ogni bimestre, nonché ogni volta che il Presidente o 1/3 dei Consiglieri lo ritengano necessario.

9.3 –  Compiti.

Il Consiglio Direttivo detiene i poteri per la gestione ordinaria di ADMO Regione Toscana ONLUS. I suoi compiti sono:

  • eseguire le delibere dell’Assemblea Generale Ordinaria e Straordinaria dei Soci;
  • redigere e modificare i regolamenti per il funzionamento di ADMO Regione Toscana ONLUS;
  • definire le linee programmatiche e le conseguenti attività di ADMO Regione Toscana ONLUS che costituiscono lo stato patrimoniale di ADMO Regione Toscana ONLUS;
  • coordinare le azioni delle Sezioni;
  • approvare le iniziative delle Sezioni;
  • curare che vengano realizzate le finalità sociali;
  • in genere, provvedere a tutti gli atti di amministrazione ordinaria;
  • nominare i membri del Comitato Tecnico-Scientifico;
  • pronunciarsi sull’esclusione da ADMO Regione Toscana ONLUS di quei Soci che, per la loro condotta o per inosservanza dello Statuto, abbiano perso i requisiti necessari per far parte di ADMO Regione Toscana ONLUS stessa;
  • in caso di motivata urgenza, esercitare le funzioni dell’Assemblea Ordinaria, salvo ratifica dell’Assemblea Ordinaria stessa in occasione della prima convocazione successiva;
  • deliberare sulla ubicazione della sede legale e delle sedi operative ed eventuali loro spostamenti.

Le delibere del Consiglio Direttivo sono prese a maggioranza di voti e sono valide purché sia presente almeno la metà più uno dei membri. In caso di parità numerica, il voto del Presidente vale doppio.

9.4 –  Presidente.

Il Presidente del Consiglio Direttivo è eletto dall’Assemblea Generale Ordinaria (cfr. precedente Art. 8.1.2), dura in carica 3 anni e può essere rieletto una sola volta consecutiva.

I suoi compiti sono:

  • rappresentare ADMO Regione Toscana ONLUS di fronte a terzi e in giudizio;
  • presiedere il Consiglio Direttivo e coordinarne i lavori;
  • nei casi di necessità, adottare provvedimenti d’urgenza, salvo la loro ratifica da parte del Consiglio Direttivo alla sua prima riunione successiva.

In sua assenza viene sostituito dal Vicepresidente.

9.5 –  Vicepresidente.

Ha il compito di sostituire il Presidente, assumendone tutte le funzioni, nei casi di sua assenza. Nell’eventualità di dimissioni, decadenza o revoca del Presidente stesso, convoca l’Assemblea Generale Ordinaria con il mandato di eleggere un nuovo Presidente. Dura in carica 3 anni e può essere rieletto. Per le modalità di elezione cfr. il precedente Art. 9.1.

9.6 –  Tesoriere.

Ha il compito ed è responsabile della tenuta della gestione contabile e amministrativa, dell’elaborazione annuale del bilancio consuntivo (da sottoporre al Collegio dei Revisori dei Conti) e del bilancio preventivo di ADMO Regione Toscana ONLUS. Dura in carica 3 anni e può essere rieletto. Per le modalità di elezione cfr. il precedente Art. 9.1.

9.7 –  Segretario.

Ha il compito ed è responsabile di redigere i verbali delle Assemblee e dei Consigli Direttivi. Dura in carica 3 anni e può essere rieletto. Per le modalità di elezione cfr. il precedente Art. 9.1.

 

ART. 10 –  COMITATO TECNICO-SCIENTIFICO.

Il Comitato Tecnico-Scientifico è nominato dal Consiglio Direttivo, ha funzione esclusivamente consultiva e non ha alcun diritto di voto né in Assemblea né durante le sedute del Consiglio Direttivo. I Membri del Comitato Tecnico – Scientifico sono individuati tra medici, biologi ed infermieri di comprovata esperienza nel campo ematologico che non abbiano conflitti di interesse in corso rispetto agli scopi dell’Associazione Donatori Midollo Osseo.

I membri del comitato Tecnico – Scientifico hanno il compito di relazionarsi con i Direttori/Primari, o loro Rappresentanti, dei Centri Trasfusionali e d’eventuali altre strutture pubbliche della Toscana che attuano la Tipizzazione Tissutale per i donatori di midollo osseo e dei Centri o Divisioni Cliniche che effettuano il trapianto di midollo osseo e cellule staminali, sempre nell’ambito della Regione Toscana.

È compito del Comitato Tecnico – Scientifico definire i protocolli scientifici dell’Associazione e svolgere attività di sensibilizzazione ed aggiornamento dei soci di ADMO Regione Toscana ONLUS.

 

ART. 11 –  COLLEGIO dei REVISORI dei CONTI.

È costituito da 3 membri, almeno uno dei quali deve essere iscritto all’Albo dei Revisori dei Conti. Ha il compito di controllare la gestione contabile di ADMO Regione Toscana ONLUS e di riferirne in sede di Assemblea Generale Ordinaria. Viene eletto dall’Assemblea Generale Ordinaria con le modalità dettagliate al precedente Art. 8.1.2 ed elegge, a sua volta, fra i propri membri, un Presidente. Dura in carica 3 anni e ciascuno dei suoi componenti è rieleggibile.

 

ART. 12 –  COLLEGIO dei PROBIVIRI.

È costituito da 3 membri di comprovata esperienza. Ha il compito di esaminare le controversie che dovessero insorgere fra i vari Organi o i fra i componenti degli Organi di ADMO Regione Toscana ONLUS. Agisce in seguito alla presentazione di un ricorso, nel qual caso giudica, ex bono et aequo e senza formalità, entro 90 giorni dalla presentazione stessa. Elegge, fra i propri membri, un Presidente. Dura in carica 3 anni e ciascuno dei suoi componenti è rieleggibile.

I membri del Collegio dei Probiviri, non hanno diritto di voto in assemblea e non possono far parte del Consiglio Direttivo Regionale.

 

ART. 13 –  DIMISSIONI, DECADENZA e REVOCA dei MEMBRI del CONSIGLIO DIRETTIVO e del PRESIDENTE.

In caso di dimissioni, decadenza o revoca del Presidente del Consiglio Direttivo, il Vicepresidente ne assume le funzioni e convoca l’Assemblea Generale Ordinaria col mandato di eleggere un nuovo Presidente.

Nell’eventualità di dimissioni, decadenza o revoca di uno dei membri del Consiglio Direttivo, subentra automaticamente in carica il primo dei non eletti e, in caso di ex aequoe DIMISSIONI, DECADENZA,DEI CONTIne del bilancio, il Socio più anziano di iscrizione ad ADMO Regione Toscana ONLUS.

Lo stesso vale per dimissioni, decadenza o revoca di un membro del Consiglio investito di cariche particolari, dei membri del Collegio dei Revisori dei Conti e dei membri del Collegio dei Probiviri.

 

ART. 14 –  SCIOGLIMENTO di ADMO REGIONE TOSCANA ONLUS.

L’eventuale scioglimento di ADMO Regione Toscana ONLUS deve essere deliberato dall’Assemblea Generale Straordinaria dei Soci (cfr. precedente Art. 8.2.3.b).

In caso di scioglimento o cessazione o sostituzione di ADMO Regione Toscana ONLUS, l’Assemblea Generale Straordinaria nomina uno o più liquidatori cui è affidato il mandato di rimettere le possibili attività a vantaggio di altre Organizzazioni di Volontariato gerenti in identico o analogo settore, ai sensi dell’Art. 5, comma 1, Legge 266/91.

 

ART. 15 – NORME DI RINVIO.

Per quanto non contemplato nel presente Statuto, si rinvia al Codice Civile ed alle altre leggi in materia, e in particolare a quanto richiesto dall’art.10 D.Lgs 4/12/97 n°460, alle leggi L. 266/91, L. 52/2001 e L.219/2005 e loro modificazioni.